LIBRI IN LOCKDOWN (Ivana Sciandra)

DA ivanantonia@libero.it

09/05/2020 - 10:42

A  menteinpace@libero.it   

 

 

A tutti , personale e detenuti, che si trovano nella casa circondariale di Cuneo, giunga il mio buongiorno.

In questo lungo periodo di lontananza forzata da tutte le attività di volontariato, e dunque anche da voi, ho tanto tempo da dedicare a bilanci e analisi, tempo silenzioso, ovattato, sospeso, pieno di barriere e privo di ponti fisici, sono con me stessa consapevolmente e senza mediazioni.

Mi torna così alla mente il  mio primo incarico di insegnamento in carcere, nell' ormai lontano 2006: quanto spaesamento di fronte a porte che tardavano ad aprirsi, a documenti da esibire, a lunghi minuti nel limbo tra un ingresso e l'altro e quanti timori, amplificati da quanto mi veniva profetizzato rispetto al lavoro che avrei svolto, pericoloso, difficile, in mezzo a persone-non persone a cui non sarebbe importato nulla di quello che avrei fatto, fornite di comfort,  dunque prive di dignità…

Quale sorpresa invece nello scoprire che nelle piccole classi che si sono succedute negli anni c'è stato sì, disinteresse,  contraddittorio e talvolta  conflitto, ma  anche riconoscenza verso chi cercava di rendere  interessanti le lunghe ore e curiosità nei confronti del prima e del dopo, del vicino e del lontano, partecipazione. Questo, senza santificare nessuno, è stato il senso del lavorare senza giudicare, nella consapevolezza che tutti camminiamo su una lama sottile, su cui ci vuole un niente a sbilanciarsi e cadere, basta essere temporaneamente o stabilmente fragili, accecati dal miraggio di possedere oggetti inutili, emarginati, invisibili. E davvero ho pensato che quanto si fa nel tempo trascorso insieme possa  aiutare qualcuno,  magari uno solo, a risalire sull'asse di equilibrio e tentare di camminare  diritto.

Tanto che alla fine del mio impegno scolastico ho scelto di rispettare l'apertura delle porte, di oltrepassarle e di lavorare come volontaria all'interno della  meravigliosa biblioteca  messa in piedi  con amore dalla prof. responsabile. Il luogo è frequentato da persone di tutte e quattro le sezioni, a turno, nei due pomeriggi di apertura, il ricco catalogo soddisfa  evidentemente voi lettori, che quando non siamo presenti , o quando, nonostante abbiate inoltrato richiesta, non venite chiamati per  qualche motivo, vi lamentate della  mancata opportunità.

Abbiamo ragionato spesso, in classe o al momento della scelta dei libri, sul tempo pieno e vuoto, sul senso della vita e di ciò che accade, sul  mito che il non lavorare e riempire le ore di tv sia un premio e non una punizione… Adesso che anche noi siamo confinati in casa, ci accorgiamo che  la peggiore delle condanne è la mancanza di libertà. E mi sento così accomunata al vostro vivere attuale: ma sono del tutto incolpevole oppure ho contribuito con voi, con tutti, a creare la situazione in cui siamo immersi? Come è facile  chiudere gli occhi e  fingere che il mondo vada bene, mentre intorno salgono le nebbie che oggi ci fanno dire, con ritardo, di non avere fatto fino in fondo la  nostra parte perché questo non accadesse.

Tant'è: ma cosa possiamo fare nell'attesa di poter ritornare ad una vita normale,  affinchè le  perdite subite di parenti e  amici, gli uomini sacrificati,  gli  anziani lasciati a spegnersi da soli, abbiano un senso?  Poco, credo,  se non pensare a come potremo contribuire a  evitare che in futuro succeda nuovamente  qualcosa di simile. Intanto noi  tutti possiamo  dedicare del tempo alla lettura, nelle lunghe ore vuote di vicinanza, di strette di mano, di sorrisi ed abbracci, leggere e prepararci a costruire un  domani  migliore  grazie a quei meravigliosi compagni di viaggio e stimoli di riflessione che sono i libri, quelli che hanno un senso, naturalmente, quelli  che ha avuto un senso scrivere perché sono degni di essere  ripensati e usati per uscire dal buio. I libri ci aiutano a  sognare per costruire, tengono viva la nostra libertà interiore, che mai come oggi dobbiamo  mantenere, coccolare, stimolare, ci accompagnano nella ricerca di vie nuove, di nuovi modelli in cui ognuno trovi posto, collocazione, senso.

Non so per quanto tempo non ci vedremo, mi auguro però che possiate usufruire della compagnia dei libri anche in nostra assenza. Non vedo l'ora di tirare fuori dall'armadio il computer e ricominciare a segnare le tracce dei sogni.

Cuneo, ai tempi del coronavirus 2020

 

 

Ivana Sciandra

 

Volontaria Associazione Ariaperta MenteInPace

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 978

VISITE 1387

aggiornato al 17/05/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------