LA “BESTIOLA ‘NCȎRȎNÀ” (poesia di Milli Ballari Abbona)

La “bestiola ‘ncȏrȏnà”

 

 

Ciutȏ ciutȏ, l’è rivà

d’an paiss pitost lȏntan

na “bestiola ‘ncȏrȏnà”

e scatena ‘n bel can can.

Se presenta all’imprȏvis,

cȏma ‘n diluviȏ universal,

el nost bel e car paiss

va nel caos general.

Tüti all’erta: a sentensiȏ le sirene

della tele nasiȏnal,

ma dal video certe scene

nen mȏstrele, a fariȏ menȏ mal.

Poi je ‘l tȏrno della sciensa,

dȏtȏr brau e preparà,

ben dotati d’esperiensa…

ma al prim cȏnseil: devi tüti steune a cà.

Cȏl savȏn laveve ‘l man,

cȏma se feisȏ ‘d pȏrcaciȏn,

dai parent e dagli amis ste lȏntan

se no rivȏma cȏl tampȏn.

A l’han sempre rasȏn lȏr,

ma sȏn tropi a cȏmandè

virologi, epidemiologi, tüti grandi prȏfessȏr,

ma sempre prȏnt a cȏntestè.

Desse proeva d’armȏnia

e nȏi seguȏma i bȏn cȏnsej

fe sparì la pandemia…

e Montalbano da lȏntan a cria:

“l’evi rȏtme gli zebedei”.

Ma la storia l’è nen finìa,

la “bestiola ‘ncȏrȏnà”

l’à tȏcà l’ecȏnȏmia:

el Cȏnt, so pare, a l’è propi sagrinà,

ciama aramba i so amis

per trȏve na strategia

e salvè el nost gran paiss

che, ȏrmai, l’è ‘n agȏnia.

Da tre meis sȏn sarà ‘n cà

e cȏn mi l’Italia intera

a l’han cò fermà: l’attività,

e i seugn? E le speranse? Che chimera!

Me fermȏ si, perché veuj ringrassiè,

cȏn cristiana carità,

chi le dasse tant da fè

per salvè l’ȏmanità

agli infermieri, ai vȏlȏntari e ai dȏtȏr

il mio Grazie pien pien d’amȏr.

 

Milli Ballari Abbona

Cuneo

 (89 anni)

 

Segnalata da Concetta Stuppia, volontaria di MenteInPace

 

Traduzione

 

Zitto zitto è arrivato/ da un paese piuttosto lontano/una bestiola incoronata/ e scatena un bel can can.

Si presenta all’improvviso/ come un diluvio universale/ il nostro bello e caro Paese/ va nel caos generale.

Tutti all’erta: sentenziano le sirene/ della tele nazionale/ ma dal video certe scene/ non mostrarle farebbero meno male.

Poi c’è il turno della scienza/ dottori bravi e preparati/ ben dotati di esperienza/ ma al primo consiglio: dovete starvene tutti a casa.

Col sapone lavatevi le mani/ come se fossimo degli sporcaccioni/ dai parenti e dagli amici state lontani/ se no arriviamo col tampone.

Hanno sempre ragione loro/ ma sono troppi a comandare/ virologi, epidemiologi, tutti grandi professori/ ma sempre pronti a contestare.

Dateci prova d’armonia/ e noi seguiamo i buoni consigli/ fate sparire la pandemia…/ e Montalbano da lontano grida/ mi avete rotto gli zebedei.

Ma la storia non è finita/ la bestiola incoronata/ ha toccato l’economia/ il Conte, suo padre, è proprio preoccupato/ chiama vicini i suoi amici/ per trovare una strategia/ e salvare il nostro grande Paese/ che ormai è in agonia.

Da tre mesi sono chiusa in casa/ e con me l’Italia intera/ hanno anche fermato le attività/ e i sogni? E le speranze? che chimera!

Mi fermo qui, perché voglio ringraziare/ con cristiana carità/ chi si è dato tanto da fare/ per salvare l’umanità/ agli infermieri, ai volontari e ai dottori/ il mio grazie pieno pieno d’amore.

 

 

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Concetta (lunedì, 25 maggio 2020 11:04)

    Brava Milli non perché sono amica tua da quasi 50 anni. ....ma perché sei brava!!!!salvare il nostro dialetto rimane per alcuni vecchi ancora il nostro diletto! !!!!

  • #2

    Carla (mercoledì, 27 maggio 2020 10:51)

    Sei unica ! Bravissima e complimenti! Io salvo ancora l'occitano a Dronero



  • #3

    Magda Spedini (giovedì, 28 maggio 2020 11:24)

    Bravissima. Il dialetto piemontese mi ha fatto tornare al tempo della mia giovinezza quando abitavo a Cuneo. Ancora Complimenti

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 115.363

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 102

Dati aggiornati

al 01-12-2021

---------------------------------

DATI COMPLETI SITO MENTEINPACE
anni 2014-2020
DATI SITO 2014-2020.pdf
Documento Adobe Acrobat 798.9 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

 

PIGOZZI LAURA

TROPPA FAMIGLIA FA MALE

COME LA DIPENDENZA MATERNA CREA ADULTI BAMBINI (E PESSIMI CITTADINI)

Rizzoli

La famiglia, all'origine della civiltà, oggi ne sta decretando la fine. È una crisi che investe l'intera società perché ciò che accade all'interno della famiglia ha rilevanza sul sociale e sul futuro dell'uomo. I genitori hanno rinunciato al ruolo di guida proteggendo all'infinito i figli: è il plusmaterno che nasce dal fallimento della cura e sospende il momento della responsabilità. La generazione che ha contestato sta crescendo figli e nipoti docili, pronti all'assoggettamento. Cosa è successo? I giovani che non dissentono permettono al fantasma mai sconfitto dell'antica tendenza dell'essere umano alla sottomissione di giocare la partita della vita al posto loro, rovesciandola in morte. Laura Pigozzi, psicoanalista, esplora in questo saggio come lo scacco della famiglia sia la radice di una tragedia sociale più vasta e ferocemente distruttiva. Attraverso il concetto di disobbedienza civile elaborato da Hannah Arendt, prende forma in queste pagine una inedita rilettura delle origini del totalitarismo che per la prima volta riesce a spiegare le conseguenze politiche della pulsione di morte freudiana e ci permette di riscoprire alcuni casi emblematici di rapporti genitoriali fallimentari, come quello di Hitler con sua madre. «L'adattamento di un giovane» ci ricorda l'autrice «ha sempre qualcosa di immorale» perché sia un soggetto che una comunità si fondano sulla divergenza. È nelle famiglie che i ragazzi dovrebbero allenarsi a trovare lo slancio verso l'esterno, diventando adulti. Fallire questa trasformazione significa condannarli a un'eterna infanzia, che apre le porte non solo ai dittatori bambini ma anche a quelli veri.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI