ELOGIO ALLA MIA ANIMA (poesia di Susanna Brunelli)

Elogio alla mia anima

 

Ebbene si, mi voglio auto celebrare, perché dovrei trattenermi dal dirmi che mi voglio bene? Che mi amo, che sono brava? ebbene si

mi levo dall’impaccio e mi dico che mi piaccio.

Cosa mi impedisce di credere che ciò che faccio non è ghiaccio, che si scioglie, ma qualcosa di solido e di valido.

Ma scusa, agli altri dico; ma quanto sei bella, quanto sei bravo, faccio elogi sul tuo modo di comunicare o di vestire, di preparare cose buone da mangiare o di fare cose diverse, ma le mie cose vanno perse?

E se io avessi davanti me stessa che cosa direi?

Mi levo dall’impaccio e mi dico che mi piaccio

Aspetta però, non voglio dar voce al mio Ego ma alla mia anima, è lei la protagonista, la vera e unica presenza che rappresenta la mia essenza.

Non mi importa ciò che si pensa di me,

voglio solo essere ciò che è!

La mia anima che si esprime attraverso il mio corpo per vedere, parlare, toccare, udire, gustare…..non c’è distinzione tra il dire e il fare.

Mi levo dall’impaccio,faccio ciò che dico e dico ciò che faccio!

 

Susanna Brunelli

 

Spiegazione della Poesia

 ELOGIO ALLA MIA ANIMA

 

 

Ho pensato che molto spesso diamo troppa attenzione agli altri e trascuriamo noi stessi, non sempre siamo pronti a riconoscere le cose belle che facciamo, può essere una cosa semplice come fare una torta, un disegno, una attività fisica oppure aver fatto una buona azione nei confronti di qualcuno, anche fosse solo un sorriso o una pacca sulla spalla,essersi messi in ascolto, aver regalato qualcosa senza aspettarsi nulla in cambio.

 

Siamo pronti a vedere nell’altro caratteristiche che vorremmo avere noi e siamo  pronti ad esternare i nostri complimenti per qualcosa che ha fatto.

Ma nasce una sorta di imbarazzo se quel qualcuno siamo noi, pronti ad abbassare il concetto , l’idea che abbiamo di noi stessi, soffocando l’autostima , elemento necessario per sentirsi sempre al posto giusto e al momento giusto.

Cosa c’è di male ad autocelebrarsi un po’, certo fa bene all’ego, ma abbiamo anche un’anima e se le cose le facciamo con il cuore, possiamo dar voce alla parte più autentica, quella ”essenziale che è invisibile agli occhi”

Senza dover per forza piacere a tutti ma accettando di essere ciò che si è ed avendo un concetto sobrio di se stessi.

La nostra anima ha bisogno del corpo fisico per fare le cose qui su questa terra, necessario per usare tutti i nostri sensi, le nostre emozioni e sentire il contatto con l’altro, che è di vitale importanza, perché siamo umani e noi abbiamo bisogno di stare in relazione,

 condividere, imparare, giocare, stare assieme e anche fare assieme.

E allora perché non amarsi e rispettarsi un po’ di più ?

 

Susanna Brunelli

 susi.brunelli@gmail.com

 

Susanna fa parte del Movimento nazionale LE PAROLE RITROVATE.

 

È di Verona

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    anto (giovedì, 12 agosto 2021 07:35)

    gia sfondi una porta aperta ma non sempre mi piaccio molto più quando mi sento arrabbiata comq si una bella poesia spero che le persone imparino a fare cose assieme altro giorno il parroco mi ha detto che non è come prima penso che dipende se le persone conoscerebbero te e il modo di chiedere senza far Chiasso perché tt abbiamo bisogno di tt .....anche sola .......vado avanti rendendo lieti i miei momenti bella poesia

  • #2

    Gianfranco Conforti (giovedì, 12 agosto 2021 08:33)

    Brava Anto...hai detto bene...tutti abbiamo bisogno di tutti ma anche sola vado avanti...dobbiamo aprirci agli altri ma ricordando che il nostro cammino continua principalmente sulle nostre gambe. Non è grave cadere...è brutto se, rialzandoti (perchè, tranne in rari casi, sempre ci si rialza) non hai imparato dalla tua caduta....Buona giornata...ci sentiamo per telefono...

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 120.336

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 94

Dati aggiornati

al 24-1-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Claudio Giunta

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente?»

L'educazione civica, la scuola, l'Italia

Rizzoli, 2021

 

Agile, ironico, allo stesso tempo equilibrato e tagliente, ma soprattutto profondamente antimanicheo, questo libro riflette con intelligenza sugli spazi, i tempi, i metodi e i contenuti di un approccio alla scuola che non sembra più in grado di intercettare i veri bisogni educativi dei ragazzi italiani, e osserva secondo una prospettiva nuova un insegnamento cruciale che fin qui è stato affrontato in maniera sconclusionata, retorica e persino controproducente.

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente, perché mai la scuola e lo Stato dovrebbero impedirmelo?» Claudio Giunta se l'è sentito chiedere da una studentessa alla fine di una lezione in un liceo. Una domanda niente affatto banale – anzi, acuta e attualissima – che avrebbe meritato una risposta chiara e articolata, se un insegnante non l'avesse subito bollata come «provocazione», troncando ogni possibilità di dialogo. Questo libro nasce anche dal desiderio di dare una risposta sensata al quesito che la studentessa ha posto con ovvio intento polemico: «Lo Stato e la scuola» osserva Giunta «non dovrebbero impedirle di diventare una fascista intelligente, ma dovrebbero agire in modo tale da non fargliene venire la voglia, e prima della voglia l'idea».

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI