INTERVENTO AL 21° INCONTRO NAZIONALE DELLE PAROLE RITROVATE – ALBA BERTONE

2 SETTEMBRE 2021

 

Tratto da: https://www.facebook.com/Lettera27/

 

 

 

Buongiorno a tutti, sono Alba e vengo da Aosta, da un paesino vicino ad Aosta. Sono un’utente che ha avuto una storia molto grave, estremamente grave, di schizofrenia. Un episodio, io lo chiamo, una malattia che ha avuto un inizio ed una fine.

Non avevo più purtroppo la coscienza del mondo intorno a me e delle persone intorno a me. Potete immaginare la gravità della cosa. E questo è durato la bellezza di 18-19 anni con una recovery che si è accelerata molto negli ultimi anni e che è andata bene, molto bene. Sono contentissima di essere qui a parlarvene perché si è risolto tutto fortunatamente. Sono sopravvissuta a questo evento atroce della mia vita, ma sono eventi che si possono superare, in alcuni casi totalmente.

Sono qui a parlarvene.

La remissione dei miei sintomi è stata molto lenta, incredibilmente costante, accelerata però nel corso del 2020, dalla condivisione del mio alloggio con un coinquilino che mi ha letteralmente salvato la vita. Condividere la vita quotidiana con qualcuno che è di enorme supporto è stato fondamentale. Questa persona è stata sempre molto, molto di supporto, mai giudicante, sempre molto vicina, incoraggiante, nonostante la mia situazione fosse ancora abbastanza brutta. Questo per quanto riguarda l’ultimo anno.

È stato qualcosa di estremamente graduale e costante. Potete immaginare lo sforzo che ho fatto. Anche il mio organismo ne ha subito, perché la malattia ti condiziona parecchio.

Ho messo un po’ i quattro punti…il ringraziamento che voglio fare alle persone ed a quello che mi ha aiutata durante la guarigione…

Se i sintomi psicotici sono ora scomparsi lo devo a quattro fattori:

-         Il primo, l’affetto e la cura di tante persone. Sono riuscita a costruire amicizie nonostante la malattia, ed è una cosa che mi ha aiutata enormemente;

-         La capacità di auto guarigione del cervello…comunque io ci credo…il cervello è un organo che ha questa capacità…aiutato, supportato dai farmaci. Io mi sono sempre curata…con delle pause, ma mi sono sempre curata;

-         Come terzo punto ho messo le mie solide basi affettive ed economiche che non sono un dato secondario e le mie capacità presenti sino all’esordio della schizofrenia…che erano buone. Io ho una famiglia grande, siamo sette persone. Questo è stato fondamentale perché senza una famiglia così presente, anche se con i suoi errori, a volte anche gravi….è stato cruciale;

-         E infine, ma con quale percentuale nessuno può dirlo, i farmaci assunti nel corso del tempo.

Cos’altro d’importante posso dirvi. Fondamentali sono stati anche gli operatori, soprattutto gli educatori…della Cooperativa “Arc en Ciel” verso cui sono estremamente grata. Alcuni di questi educatori sono diventati anche miei amici e lo sono tuttora.

Adesso sono rientrata nel mondo e sono estremamente felice di potervelo raccontare. Ho svolto anche lavori…di tutto ho fatto pur di stare con le persone nonostante l’imbarazzo perché io sapevo che cosa mi stava succedendo e non era facile stare con le persone. Sapevo di non essere io eppure mi dicevo “io devo stare con gli altri per guarire”. Mi sono sempre data da fare, ho fatto dei concorsi…altrimenti mi sarei sparata un colpo…il dolore era troppo grande. In fondo io sapevo che ce l’avrei fatta. Forse qualcosa mi ha protetta…non lo so.

Bene, mi sembra di avere detto le cose importanti. Vi ringrazio per questa opportunità di condividerle con voi…e ringrazio tutti gli amici delle Parole Ritrovate di Trento che ho visitato di recente e sono molto contenta di averlo fatto perché è stata un’esperienza bella e importante e che spero di portare ad Aosta. Speriamo di costruire qualcosa di bello perché ce n’è tanto bisogno.

 

Alba Bertone

 

Aosta

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Susanna Brunelli (lunedì, 27 settembre 2021 14:53)

    Ciao Alba, è bellissimo leggerti, rafforzi la mia convinzione che tutto è possibile per chi crede e tu hai creduto.
    Sono stra felice per te!!!
    Complimenti per la tua determinazione

  • #2

    Antonietta (lunedì, 27 settembre 2021 19:47)

    Sono molto contenta che anche tu come me hai trovato persone su cui contare e ti hanno stimolata e riguardo la tua quotidianità e una bella cosa avete trovato in coinquilino che ti capisce brava Alba sei coraggiosa forza grazie di avere fatto la tua conoscenza grazie Alba ciao (scusate se c'è qualche errore di ortografia il telefono fa le bizze

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1115

VISITE 1590

aggiornato al 27/02/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------