DARE VOCE A CHI NON HA VOCE…richiede tempo (Gianfranco Conforti)

 

 

Il sito di MenteInPace ha la funzione di informare soprattutto sulle iniziative dell’Associazione che, a Cuneo, cerca di creare momenti di aggregazione e divertimento per superare la solitudine e l’emarginazione di chi soffre di malattie mentali coinvolgendo loro familiari, operatori dei Servizi di Salute Mentale e cittadini sensibili alle tematiche inerenti lo stigma.

 

Ma oltre a questo ha anche la funzione di pubblicare materiale vario (articoli, documenti o informazioni su iniziative) inerente il tema della salute mentale in particolare e, più in generale, un corretto stile di vita il più possibile armonioso con gli altri e con l’ambiente.

 

Abbiamo però cercato di fare un “salto di qualità”, pur nel nostro piccolo e senza eccessive illusioni. Provare a creare un gruppo che gestisca il sito, dando la possibilità a chi di solito non ha voce o non viene preso in considerazione di esprimersi. Non è facile perché, oltre allo stigma della società “normale” nei confronti della malattia mentale, c’è anche l’auto-stigma. Credersi cioè incapaci di dire cose che interessino gli altri.

 

Per questo, per due settimane, il sito ha avuto un calo delle visite giornaliere (da 107 del  12 ottobre, data dell’ultima riunione del gruppo a 79 del 24 ottobre)  dovuto al fatto che nel blog non si sono più pubblicati articoli, informazioni o altro. Perché questo? Perché il materiale che ci arrivava da utenti, da altre associazioni o da mezzi di comunicazione on-line abbiamo voluto che venisse valutato dai componenti del gruppo che gestisce il sito. Questo gruppo, composto in maggioranza da utenti, si riunisce ogni quindici giorni. Da una riunione all’altra viene fornito a tutti il materiale che arriva e nella riunione successiva si decide cosa pubblicare. A questo gruppo si affiancano altri utenti o familiari di altre città (Aosta, Verona, Iseo, Milano, Parma) che ci hanno conosciuti e che collaborano con il sito.

 

Speriamo che questo cambiamento funzioni. Magari potrà essere utile utilizzare altre modalità di comunicazione oltre alla scrittura perché non a tutti piace scrivere. Si potrebbero utilizzare brevi video, ad esempio. Potrà anche essere utile allargare il gruppo ad altre realtà ed altre tematiche, cercando comunque di mantenere l’obiettivo di dare voce a chi non ha voce. Queste tematiche potrebbero essere inerenti alle problematiche dei migranti, degli omosessuali, dei detenuti, delle donne, delle minoranze etniche o religiose.

 

Ne parleremo tra di noi cercando di non accelerare i tempi e di non strafare, convinti però che se dare voce a chi non ha voce richiede tempo si basa anche sulla fantasia, la creatività, la voglia di fare e, anche, di rischiare. Sapendo però che ciò è divertente e finché ci si diverte facendo cose utili vale la pena continuare.

 

Gianfranco Conforti

 

Volontario MenteInPace

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 120.336

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 94

Dati aggiornati

al 24-1-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Claudio Giunta

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente?»

L'educazione civica, la scuola, l'Italia

Rizzoli, 2021

 

Agile, ironico, allo stesso tempo equilibrato e tagliente, ma soprattutto profondamente antimanicheo, questo libro riflette con intelligenza sugli spazi, i tempi, i metodi e i contenuti di un approccio alla scuola che non sembra più in grado di intercettare i veri bisogni educativi dei ragazzi italiani, e osserva secondo una prospettiva nuova un insegnamento cruciale che fin qui è stato affrontato in maniera sconclusionata, retorica e persino controproducente.

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente, perché mai la scuola e lo Stato dovrebbero impedirmelo?» Claudio Giunta se l'è sentito chiedere da una studentessa alla fine di una lezione in un liceo. Una domanda niente affatto banale – anzi, acuta e attualissima – che avrebbe meritato una risposta chiara e articolata, se un insegnante non l'avesse subito bollata come «provocazione», troncando ogni possibilità di dialogo. Questo libro nasce anche dal desiderio di dare una risposta sensata al quesito che la studentessa ha posto con ovvio intento polemico: «Lo Stato e la scuola» osserva Giunta «non dovrebbero impedirle di diventare una fascista intelligente, ma dovrebbero agire in modo tale da non fargliene venire la voglia, e prima della voglia l'idea».

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI