IL TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO (Susanna Brunelli)

IL VENTALOGO DI SUSANNA N.6

IL TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio)

 

IL TSO NON E’  UNA PRATICA DA USARE IN MODO SUPERFICIALE, bisognerebbe chiedere a chi l’ha subito il TSO per capire quanto traumatica o salvifica  può essere un’azione di questo tipo  in procinto di un pericolo imminente.

 

Chissà se è bene o male , alcuni dicono che è stato necessario perché non erano in grado di auto-controllarsi ma ci sono stati casi (troppi) in cui qualcuno è morto durante questa pratica usata senza sensibilità e senza mettersi nei panni di chi in quel momento non è stato  in grado di controllarsi o perché in preda al panico si è sentito braccato e ha reagito.

Le forze dell’ordine  spesso , usano metodi coercitivi, abusando del loro potere, quindi, viene a cadere ogni possibilità di esprimersi e farsi ascoltare, qualsiasi sia la motivazione,  se la persona per istinto scappa rischia di essere colpito a distanza.

Si riscontrano molti casi  in cui non c’era la necessità di un intervento così drastico, come ad esempio il caso di Mauro Guerra, ma  basta fare una ricerca su internet  per  appurare  quanti sono rimasti vittime di un TSO.

 

Inconcepibile, inammissibile, incomprensibile, inaccettabile.

Potrebbe capitare a chiunque di trovarsi un una sfortunata combinazione  che porta dritto in psichiatria, dove si troverà obbligato a stare e ad assumere farmaci e qualora si rifiutasse rischia il contenimento fisico e farmacologico come è successo ad esempio a Francesco  Mastrogiovanni, ( di certo non era un criminale),  contenuto e drogato dai medici e infermieri che dopo circa 90 ore di tortura  lasciò il suo corpo fisico. Casi di questo tipo ce ne sono molti, troppi, incomprensibili  e inaccettabili, dovuti magari semplicemente perché l’esternazione di un’ opinione va controcorrente e non piace a qualcuno;  solo un’ atto di ribellione e si finisce  senza alcun diritto di difesa, disidentificati da ogni possibile realtà.

Un’ esperienza che lascia una ferita nell’anima sia a chi subisce un TSO sia  per chi assiste ed è coinvolto come famigliare. Vedere  e rivedere la stessa scena anche più di una volta è altamente impressionante e destabilizzante e lascia il segno nella coscienza di ognuno.

Non è vero che è «esclusivamente finalizzato alla tutela della salute». Esistono storie  di cattivissime pratiche in psichiatria , di  abusi e costrizioni che segnano la vita per sempre.

Il TSO che è un trattamento senza consenso, apparentemente  molto regolamentato e specificato e si dice che vengono messi in atto quando avvengono certi criteri, tre in particolare : che la persona abbia un grave disturbo  psichico, che rifiuti qualsiasi provvedimento terapeutico e che non ci siano alternative al ricovero ospedaliero, perché se ne deduce che il tso deve essere svolto in ambito ospedaliero.

Solo in questo caso può avvenire il trattamento sanitario obbligatorio in quanto può rivelarsi pericoloso per se stessi e per gli altri. 

 

Susanna Brunelli

 

Verona

Scrivi commento

Commenti: 0

 Questo sito è iniziato

il 02-06-2014

 

TOTALE

VISITE: 120.336

 

MEDIA 

GIORNALIERA

VISITE 

negli ultimi 30 giorni: 94

Dati aggiornati

al 24-1-2022

---------------------------------

DATI SITO www.menteinpace.it
2014-2021
DATI SITO 2014-2021.pdf
Documento Adobe Acrobat 848.8 KB

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

---------------------------

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 Claudio Giunta

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente?»

L'educazione civica, la scuola, l'Italia

Rizzoli, 2021

 

Agile, ironico, allo stesso tempo equilibrato e tagliente, ma soprattutto profondamente antimanicheo, questo libro riflette con intelligenza sugli spazi, i tempi, i metodi e i contenuti di un approccio alla scuola che non sembra più in grado di intercettare i veri bisogni educativi dei ragazzi italiani, e osserva secondo una prospettiva nuova un insegnamento cruciale che fin qui è stato affrontato in maniera sconclusionata, retorica e persino controproducente.

«Ma se io volessi diventare una fascista intelligente, perché mai la scuola e lo Stato dovrebbero impedirmelo?» Claudio Giunta se l'è sentito chiedere da una studentessa alla fine di una lezione in un liceo. Una domanda niente affatto banale – anzi, acuta e attualissima – che avrebbe meritato una risposta chiara e articolata, se un insegnante non l'avesse subito bollata come «provocazione», troncando ogni possibilità di dialogo. Questo libro nasce anche dal desiderio di dare una risposta sensata al quesito che la studentessa ha posto con ovvio intento polemico: «Lo Stato e la scuola» osserva Giunta «non dovrebbero impedirle di diventare una fascista intelligente, ma dovrebbero agire in modo tale da non fargliene venire la voglia, e prima della voglia l'idea».

CLICCA QUI

 

-----------------------------------------------------------

 UNA BLOGGER IN CUCINA

 

Federica Giuliani, Gelso nella vita e nel web, la cucina nel DNA e tante cose da raccontare, tra una ricetta e l’altra! Nella mia cucina convivono ordine, precisione e il caos della creatività, citazioni classiche e poeti maledetti, accostamenti insoliti e ricette base, racconti vicini e lontani, dal mito alla leggenda, a volte tristi, a volte dal finale lieto, innaffiati di buon vino e buoni propositi. 

 

Cucini insieme a me?

 

Per visitare il blog

CLICCA QUI