FERITE SU PIETRA. In ricordo di Giancarlo (poesia di Gianfranco Conforti)

FERITE SU PIETRA

in ricordo di Giancarlo Risso

 

Non ti ho creduto,

scusami,

quando mi parlasti

dei tuoi dialoghi con la pietra.

 

Non ti ho creduto,

ma ho creduto ad altri

che mi confermavano

la tua antica vena.

 

Come belva in gabbia volevi fuggire,

da chi ti prometteva la luce.

Ma tu cercavi l’ombra delle tue sculture,

volevi toccarle,

rendere viva la pietra

che ti fa vivere.

 

Poi la tempesta è passata.

Incerto sulle gambe

riprendi il cammino

per altri posti,

per altre pietre,

per altri volti,

da vedere,

da scolpire.

 

3 gennaio 2016

 

Gianfranco Conforti

Volontario di MenteInPace

 

 

È morto nel pomeriggio di domenica 17 ottobre di quest’anno  lo scultore della memoria occitana Giancarlo Risso, 68 anni di Robilante.

Nato a Cuneo aveva vissuto e lavorato a Robilante. Scultore autodidatta aveva iniziato a lavorare dall’età di 13 anni, iniziando con la scultura in legno per proseguire negli ultimi vent’anni con la lavorazione della pietra abbinando a essa materiali ferrosi.

 

Ha  ricevuto L’Oscar dell’Arte a Montecarlo e il Premio Onorifico del Grandi Maestri ad Imperia. Nel 2005 è stato insignito del premio al 13° Festival Internazionale dell’Arte Contemporanea.

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Susanna Brunelli (domenica, 14 novembre 2021 15:48)

    BRAVO PACO, che dai vita a chi voleva dare vita alle pietre che vita non hanno

  • #2

    Beatrice (domenica, 14 novembre 2021 16:59)

    Certo Paco, me lo ricordo benissimo Giancarlo, quando siamo andati a trovarlo durante una gita di MenteInPace : un po' rude, schivo, ma così disponibile con i nostri amici utenti. Ci ha aperto il suo laboratorio e accompagnati nello scolpire la pietra con infinita pazienza, offrendo a tutti l'opportunità di provarci davvero, sotto la sua guida. Un bellissimo pomeriggio, grazie Giancarlo. E da lassù, divertiti a trasmettere anche agli Angeli il tuo immenso talento! �

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------