LA PSICHIATRIA NON E’ SOTTOMISSIONE - IL VENTALOGO DI SUSANNA N.8

IL VENTALOGO DI SUSANNA N.8               

LA PSICHIATRIA NON E’  SINONIMO DI SOTTOMISSIONE

 

Il medico   che riceve non può limitarsi a prescrivere  farmaci relativi ai sintomi, senza approfondire tutte le fasi che hanno portato li la persona bisognosa di aiuto, confermare una diagnosi e cavarsela così aspettando il prossimo colloquio chiamato “PSICO EDUCAZIONE”, prescrivere i farmaci senza aver prima esternato al paziente le sue impressioni e le sue intenzioni, prendere decisioni senza prima aver  valutato con la “persona diretta interessata” e aver capito o perlomeno cercato di capire  di cosa effettivamente ha bisogno, l’utente  va’ responsabilizzato  e informato  di tutto ciò che verrà fatto, indipendentemente dal fatto che lo chieda o no, se non dovesse essere in grado di capire  spiegarlo alle  persone più vicine sarebbe buona pratica.

Dal momento  invece che si chiedono informazioni è un diritto ottenere risposta  fino ad esaurimento di tutti i dubbi, va’ valutato bene cosa comporta assumere determinati farmaci , spiegare l’intenzione  e i tempi di assunzione,  a cosa servono e soprattutto quali potrebbero essere gli effetti collaterali a lungo termine.

Il consenso informato si firma quando si è stati informati e si ha capito e compreso .

Il DEPOT ( chiamata “la punturina”)  viene  somministrato  come se fosse la panacea  di tutti i mali,  la soluzione “salvavita”, si fa  spesso il paragone  con il cardiopatico o il diabetico,  chi è afflitto da disagio psichico non è né cardiopatico, ne diabetico, anzi è probabile che ci diventi dopo aver assunto determinate cure psichiatriche,  con aumento di peso, compromettendo l’autostima, abbassamento dell’energia e il tono emozionale , per non parlare della sfera sessuale e relazionale.

Accade spesso (da testimonianze) che se una persona si rifiuta di prendere i farmaci in particolare” la punturina” ,(depot) chiede lo scalaggio o la dismissione viene intimidito e minacciato di essere sottoposto a TSO, mostrando che il depot non è come si vuol far credere una copertura medica ma un cordone ombelicale con “mamma psichiatria” che ha il potere  di persuadere, dissuadere e a volte anche ricattare moralmente chi si vuole staccare da questa pratica  cercando altre vie riabilitative,  anche se non da segni di pericolosità per sé stesso o gli altri , evince che più per il paziente è una sicurezza   per lo psichiatra prescrittore.

Non è così per per tutti, alcuni la accettano e ne traggono beneficio psicologico per sé stessi o i familiari, che vedendo scomparire i sintomi è sufficiente per sentirsi  rassicurati.

 

Susanna Brunelli

 

Verona

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

134.784

Dati aggiornati al 17-8-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

ZONA FRANCA

Per comunicare emozioni/interessi/passioni

con vari linguaggi, specie i video,  costituendo una redazione di una rivista crossmediale

 

a breve un canale youtube, una pagina facebook ed un sito web

---------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

GUARIRE SI PUÒ

Persone e disturbo mentale

 

di Izabel Marin e Silva Bon

D. Borca (Curatore)

Edizioni Alpha & Beta, 2012

 

Frutto di riflessione individuale e collettiva, questo libro conclude il lavoro di una ricerca avviata all’interno di un Centro di salute mentale di Trieste. Il confronto tra persone con esperienza e operatori dei servizi ha approfondito la riflessione intorno al disturbo mentale, alla sua natura, ai modi singolari di affrontarlo e alle possibilità di guarigione.

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------