IL VENTALOGO DI SUSANNA 15 LA PSICOTERAPIA NON E’ UN OPTIONAL

IL VENTALOGO DI SUSANNA 15

LA PSICOTERAPIA NON E’ UN OPTIONAL

 

Può essere che non tutti la chiedano o che la vogliano fare, ma non metterla a disposizione è cosa assai grave, il bisogno di ascolto , di raccontare, di farsi aiutare è insito in molte persone che sentono un forte disagio, un percorso di recupero e un piano personalizzato per ognuno è necessario per non standardizzare le cure e ridurle in freddi  protocolli   basati sulla letteratura  sfogliando la Bibbia degli psichiatri: il DSM (il manuale diagnostico), il tutto ridotto all’assunzione di farmaci.

Strumenti associativi  e integrati sono  assolutamente necessari  al contesto di  recupero  di uno stato di benessere  psicofisico, qualunque sia, ma adeguato alla persona.

Il concetto di guarigione viene poco spesso considerato, esistono esperienze di persone che si dichiarano guarite ma non ottengono la dichiarazione da  parte degli psichiatri che una volta messa l’etichetta viaggiano su quella frequenza, non considerando che in alcuni casi , ancora pochi purtroppo, avviene un cambiamento di paradigma basato sulla consapevolezza di cosa li ha portati al malessere ma con  un cambio di stile di vita e di modo di pensare arrivano alla risoluzione , scoprendo un nuovo stile arrivando anche alla sospensione totale dei  farmaci .

CORPO-MENTE-SPIRITO , i tre elementi  fondamentali  devono essere in equilibrio e poter affrontare le avversità che la vita presenta.

 

Susanna  Brunelli

Verona

 

susi.brunelli@gmail.com

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Rosita Grazian (domenica, 16 gennaio 2022 20:25)

    Io ho richiesto un supporto npsicologico alla mia psichiatra, visto che nel dsm per il mio disturbo è
    Previsto...ma ho trovato un muro, la ricetta con qui faccio psicoterapia è motivata dal tumore al seno...mi sembra ingiusto visto che sono stata "curata solo con farmaci dal 2008! Addirittura ho chiesto alla dottoressa, a quale D S.M. lei faceva riferimento, mi ha risposto al D.S.M.7 che non esiste! La fiducia nella sua persona, è scesa sotto tutti i livelli, ho chiesto per questo motivo di cambiare medico alla direttrice del C.S.M. ma la regola dice che non è possibile....Sono ancora costretta a relazionarmi con lei..per fortuna la incontro ogni 3 mesi! Ma dovrebbe funzionare come per il cancro, perché per quella patologia ho potuto scegliere il medico specialista e per la malattia mentale no? Personalmente, ho sofferto molto di più per la malattia mentale....

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 976

VISITE 1405

aggiornato al 18/05/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------