IL VENTALOGO DI SUSANNA 19 – LA DIAGNOSI NON È L’ETICHETTA CHE IDENTIFICA UNA PERSONA

IL VENTALOGO DI SUSANNA - 19

LA DIAGNOSI NON E’  L’ETICHETTA CHE IDENTIFICA UNA PERSONA , UN CODICE NUMERICO.

 

Queste riflessioni sono scritte da Susanna Brunelli di Verona.

Si basano su proprie esperienze e sottolineano

come non dovrebbero essere i servizi psichiatrici.

Una sorta di decalogo ma, visto che i punti sono 20,

Susanna l’ha chiamato ventalogo:

il Ventalogo di Susanna

(NdR)  

 

La  persona con disagio psichico non é il disagio  stesso; identificare la persona con la diagnosi crea pregiudizi e distorsioni che non aiutano a facilitare l’apertura e il confronto, all’opposto porta chiusura e timore di essere giudicati.

Lo stigma è sempre in agguato, anche per i familiari che spesso subiscono allontanamento o indifferenza.

La diagnosi è un’etichetta che spesso identifica una serie di sintomi e comportamenti  che possono cambiare a seconda del grado di consapevolezza, da non confondere con ciò che è la persona.

Anche l’auto svalutazione e  identificazione porta a  diventare quello che si è convinti di essere  e identificarsi con la patologia dichiarata fino a definirsi  borderline, bipolare, schizofrenico, schizoaffettivo, ossessivo compulsivo ….. una serie di sintomi che indicano  un disagio ambientale, sociale , fisico , spirituale  possono essere trasformati in punti di forza se accompagnati da persone che sanno aiutare senza essere emotivamente coinvolti , mostrando amore incondizionato, empatia, fede, senza contaminare il campo con le proprie paure e preoccupazioni ma forti nel supportare senza sostituirsi, offrendo gli strumenti per trovare il centro del Sé ed arrivare ad essere più autonomi possibile.

La psicosi non sarà  l'estremizzazione  del proprio sentire, l’ esasperazione all’ennesima potenza, uno stato alterato della coscienza che non ce la fa a sopportare la realtà che percepisce? La depressione  uno stato di abbandono delle proprie forze, un concedersi l’unica via per non assumersi  la responsabilità di dover sostenere quello che non si è in grado di sostenere? L’ansia la paura di un futuro incerto associato all’angoscia di incontrare qualcosa che già si conosce?…..Tutto potrebbe essere migliorato, accettato, trasformato, all’interno di un contesto che pratica le “buone pratiche”, mettendo insieme le forze di ognuno in relazione, consapevoli che nessuno si può sostituire all’altro rimanendo al proprio posto rispettando il proprio ruolo.

Se si  rimane in superficie è come vedere solo la punta di un iceberg, ma sotto c’è un tesoro nascosto che con l’autodeterminazione potrebbe essere scoperto.

 

Susanna  Brunelli

Verona

 

susi.brunelli@gmail.com

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Concetta (lunedì, 14 febbraio 2022 14:34)

    La profondità del tuo ventalogo è molto bella :quando ti leggo mi commuovo perché quasi sempre non è così.

  • #2

    Brunelli Susanna (martedì, 15 febbraio 2022 09:32)

    Grazie Concetta, mi fa piacere quello che mi scrivi, per me è importante se tocco il cuore anche solo ad una persona. �

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

143.504

Dati aggiornati al 6-12-2022

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Elisa Schininà

Noi voci invisibili

Le Château Edizioni, 2022

 

In questo testo, come un alpinista che affronta il tormento della fatica per scelta, l'autrice ha deciso di ripercorrere e analizzare tutti i gradi del travaglio che le ha procurato la malattia, senza compiangersi, con una scrittura piana e temperata; anche in lei la volontà di conoscere ha prevalso sulla sofferenza, dominata e sconfitta, seppure brevemente, attraverso l'analisi e la descrizione di quanto le stava accadendo. Elisa Schininà conosceva la potenza delle parole che hanno il dono di creare la realtà, anche quella impalpabile, torbida e strisciante della malattia mentale, per renderla comprensibile a se stessa e agli altri. In questo senso il libro rappresenta la sua Passione nelle due accezioni; quella del delirio che l'ha accompagnata verso l'esito finale e quella verso se stessa, la vita e gli altri a cui ha deciso di donare la sua esperienza, senza reticenze o ipocrisie. Una realtà bifronte nella quale la storia dell'autrice/protagonista ci appare attraverso una lente deformata con due Elisa che si parlano e si affrontano severamente per la vita e per la morte.

 

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------