MOSTRA “NON SIAMO RIFLESSO”. Le foto dei pazienti del Centro per i Disturbi Alimentari

Mostra fotografica

“Non siamo riflesso”

nei locali del Baladin a Cuneo

Scatti realizzati da pazienti con disturbi del comportamento alimentare, dell’Asl Cn1

 

di Mariangela Tallone - 

 

Cuneo – Tra le iniziative realizzate martedì 15 marzo in occasione della Giornata nazionale del fiocchetto lilla 2022, c’è stata l’inaugurazione alle 18, nei locali del Baladin di piazza Foro Boario, di una mostra fotografica dal titolo: “Non siamo riflesso”, con scatti realizzati da pazienti che frequentano la struttura del Centro per i disturbi del comportamento alimentare dell’Asl Cn1.

L’intero progetto è stato ideato dalla dottoressa Paola Rampone, psicologa, psicoterapeuta e psicodrammatista, esperta in foto-terapia e fotografia terapeutica, in collaborazione con la fotografa free lance Veruska Verista.

“Il progetto è finalizzato a parlare delle proprie emozioni attraverso le immagini – dice la dottoressa Rampone -; grazie alla fotografia, sia quella scelta in un “mazzo terapeutico” di scatti fatti da altri e messo a disposizione, sia quella realizzata in prima persona, anche chi soffre di questo disturbo può parlare di sé, con meno paura”.

Durante l’inaugurazione, Olimpia, una giovane paziente, ha recitato un toccante monologo da lei composto, con cui ha ben descritto quella “ferita dell’anima” da cui, ha detto, “bisogna lasciarsi salvare”.

Le foto sono visibili sia dall’esterno sia dall’interno del Baladin fino al 31 marzo.

 

 

 

Tratto da: https://www.laguida.it/2022/03/16/mostra-fotografica-non-siamo-riflesso-nei-locali-del-baladin-a-cuneo/

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.978

Dati aggiornati al 6-2-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa MomoMenteInPaceDiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

 

Diego Anghilante

Abeio Abeio

Neo-ruralismo e follia

 

Editore Araba Fenice

 

Louren, un occitano di ritorno, carico di illusioni, incapace di vivere l’oggi, che prepara ieri il domani, cadendo nella trappola di un’equazione da principiante “Occitania = ruralità a tutti i costi” con tutto il suo corollario di equivoci e forzature, carico di sfiga, che è riuscito a nascere e a vivere nel posto e nel tempo sbagliati. (...)

Lui, che si confronta con i reires, guarda tra lo stranimento e l’ammirazione gli ultimi eredi cialtroni di una formidabile tradizione magliara, viene calpestato dalle pantofole stantie dei condannati all’ergastolo villeggiante. Louren, che scambia insulti pirotecnici con l’ultimo portatore di “berretto a sonagli”, che viene risucchiato lentamente non dai vortici di un torrente in piena, ma dal gorgo di un lavandino domestico, con l’acqua sporca dei piatti accumulati, verso un orizzonte nei tubi, scuro e difficile.

 

Dalla Prefazione di Sergio Berardo

 

CLICCA QUI

-----------------------------------------------------------