LE PAROLE RITROVATE.Verbale Coordinamento nazionale 1 agosto

LE PAROLE RITROVATE

Verbale Coordinamento nazionale 1 agosto

 

DA renzodestefani48@gmail.com

07/08/22 -  10:54

 

Presenti: Massimo, Franco, Andrea, Roberto, Patrizia, Giovanni, Maurizio, Giovanni, Fausto e una signora di Milano di cui è sfuggito il nome (chiediamo scusa!).

 

Il prossimo coordinamento era stato fissato per il 30 agosto. La data andrà spostata in settembre per avere le info complete sull’Incontro nazionale di Roma e sarà comunicata sulla Chat INCONTRI. Il link sarà il consueto messo sempre gentilmente a disposizione da Franco https://us02web.zoom.us/j/84756110868. Si riprenderanno gli argomenti trattati con particolare riferimento al ‘ritiro spirituale’ di 2 giorni di cui abbiamo già parlato anche nei precedenti coordinamenti e si definiranno gli ultimi punti relativi all’Incontro di Verona sull’abitare del 1° ottobre e l’organizzazione dell’Incontro nazionale di Roma di novembre.  

  1. Ritiro spirituale previsto a inizio 2023. Cuni informa che la struttura delle suore di Bologna, il Cenacolo Mariano, luogo dove siamo andati per tanti anni non è agibile in quanto hanno dovuto ospitare altre realtà simili alla loro, ad oggi ancora chiuse causa covid, e pertanto non è disponibile fino a maggio. Ha sentito altre 2 strutture nel bolognese, dopo essersi consultato con Michele Filippi, ma sono anch’esse chiuse. Sembra una scelta quasi obbligata spostarsi in altra provincia. C’era una ipotesi nel parmense che secondo Max non è però ottimale. Max propone di valutare Villa San Ignazio a Trento. Avanza anche una proposta per Prato nella struttura delle Suore che però non risulta avere i posti che ci servono. Si rimanda al prossimo coordinamento una auspicabile decisione con l’impegno di presenti e assenti a proporre altre soluzioni tenendo conto dei costi che devono essere contenuti ai 50/60 euro a persona. Ad esempio a mero titolo informativo Villa San Ignazio di Trento costa 60 euro pensione completa in singola e 55 in doppia sempre pensione completa.  Chiaro che Trento non è il massimo per il Centro-Sud e allora occorrerà valutare vantaggi e svantaggi delle diverse opzioni che emergeranno e decidere!!! Per il periodo si è ipotizzato fine gennaio (sabato 28/domenica 29) oppure inizio febbraio(sabato 4/domenica 5).
  2. Incontro di Verona sull’abitare del 1° ottobre.  Franco ci dice che non ci sono grandi novità. Il programma è sostanzialmente ultimato. Potrebbero esserci alcune spese legate ad eventuale assicurazione richiesta dal Comune di Verona proprietario della Sala. Di questo e di altri dettagli si parlerà nell’incontro dedicato fissato per il 5 settembre ore 18.30. Verrà comunque ricordato nelle diverse CHAT qualche giorno prima. Nella locandina sono state fatte 2 piccole modifiche e verrà inviata su questa mail dopo Ferragosto. Chi l’ha già inviata riceverà la nuova versione che è pregato di rinviare come promemoria.
  3. Incontro nazionale di Roma 10-12 novembre. Si parla soprattutto dei costi che sono stati proposti da una ditta legata al teatro per gestire la parte informatica e la videoregistrazione per permettere un collegamento in diretta via zoom a chi fosse interessato. La richiesta supera i 7.000 Euro cifra ritenuta giustamente improponibile da Giovanni e Maurizio e da tutti i presenti. Il teatro è chiuso fino a fine agosto quindi si potrà fare un  sopralluogo e rendersi conto meglio di come stanno le cose solo in settembre.  Anche per questo il prossimo coordinamento nazionale verrà fatto in settembre a sopralluogo già effettuato e con tutte le info necessarie disponibili. La data e l’ora del Coordinamento verranno messe nelle varie CHAT. Si è discusso a lungo sulle varie opzioni. Sicuramente è indispensabile avere internet per i collegamenti internazionali, la possibilità di proiettare slides e filmati e quindi disporre di videoregistratore e schermo e quantomeno la registrazione audio. Tre cose che una volta fatto il sopralluogo si potrebbe anche  verificare che sono fattibili direttamente da noi. Ma di questo si parlerà nel coordinamento nazionale di settembre dopo il sopralluogo in teatro degli amici romani. Il 18 agosto alle ore 18.00 ci sarà comunque una videoconferenza del gruppo di lavoro dedicato all’Incontro nazionale di Roma per affrontare e dirimere altri aspetti legati all’organizzazione ottimale del programma e a garantire al meglio il successo dell’incontro. Si è parlato di alcuni interventi inerenti lo sport, a partire da una importante esperienza romana, che saranno collocati verosimilmente nello spazio del venerdì pomeriggio durante gli interventi delle realtà romane. Si è anche accennato se non convenga spostare ‘l’esibizione’ con le scritte sulle magliette da Fontana di Trevi a Trinità dei Monti per garantire la disposizione su 2 file. Anche questo tema sarà ripreso nella  videoconferenza del 18 agosto come tutti gli aspetti inerenti il programma, i rapporti con la stampa e altri aspetti dell’Incontro.

 

Visto che nel prossimo coordinamento ci saranno decisioni importanti da prendere si raccomanda una partecipazione tale da permettere di essere operativi ed evitare rinvii che ci complicherebbero le cose.

 

 

Renzo De Stefani

Scrivi commento

Commenti: 0

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------