LA PACE È IL RISPETTO DI CHI È FRAGILE (Gianfranco Conforti)

Capita spesso di vedere il Papa su una carrozzella o con il bastone. Lui non si vergogna di apparire fragile come una persona anziana. È un simbolo, un messaggio potente, ricco d’umanità, che fa apparire lontani nel tempo quegli anni in cui il Papa appariva sulla sedia gestatoria, portato a spalle da quattro persone. Senza andare tanto in là nel tempo a Papa Giovanni Paolo II fu sconsigliato, dagli ambienti vaticani, di farsi vedere sulla sedia a rotelle.

 

Tanti non accettano le rughe, i capelli bianchi, le calvizie, illudendosi di fermare il tempo. Forse vuol dire che non si riesce ad accettare la propria fragilità. Ma non accettarla non vuol dire cancellarla, mentre invece l’accettazione aiuta a conviverci. Non voglio criminalizzare la cura del proprio aspetto fisico ma invitare all’autoanalisi, per capire se questa cura è fisiologica o non racchiude delle ferite che si vogliono nascondere.

 

Mi vengono in mente due aneddoti.

 

Vi ricordate le prime esibizioni canore in televisione di Pierangelo Bertoli? Non lo inquadravano per intero ma solo il busto, per nascondere che lui era costretto a muoversi sulla sedia a rotelle. Che umiliazione sarà stata per lui! Si sarà sentito veramente handicappato (parola orribile, un marchio), rifiutato come persona nella sua interezza, accettato solo dalla vita in su.

 

L’altro aneddoto è molto più recente e si riferisce alle ginnaste, violentate nel loro fisico, sino a farle raggiungere l’inferno dell’anoressia. La motivazione addotta era di farle raggiungere delle prestazioni sportive di alto livello, per le varie competizioni. Si enfatizzava la disciplina come mezzo che ogni sportivo usa per raggiungere risultati sempre migliori. Non solo nello sport ma nella vita di tutti i giorni occorre avere disciplina, metodo, costanza, che possono essere più o meno intensi, duri, a seconda dei traguardi che ci si prefigge. Ma nel caso delle ginnaste quella non era disciplina ma terrorismo, finalizzato alla colpevolizzazione se il loro corpo non rispondeva a canoni iperbolici, deliranti. In altre parole non veniva accettata la minima distorsione da certi parametri, che tra l’altro non mi sembrano neanche funzionali all’obiettivo sportivo.

 

Arrivo al punto. Mi scuso se potrò urtare qualcuno ma voglio esprimere il mio pensiero.

 

Le varie manifestazioni per la pace hanno avuto ed hanno ancora senso: ma per chi?

Certo le grandi manifestazioni hanno la funzione di sensibilizzare i decisori politici. Ma ad una condizione: che coinvolgano grandi masse e siano protratte nel tempo, in un lungo braccio di ferro. È l’esempio delle proteste in Iran. Proteste messe in atto per richiedere il rispetto di diritti (ma anche di interessi) di chi manifesta. Per noi occidentali manifestare per la pace è diventato urgente quando la guerra ha lambito i nostri confini. Prima era praticato da pochi, gli inguaribili idealisti gandhiani. Come da pochi erano frequentate le marce silenziose, senza bandiere e con pochi slogan, che si sono iniziate a fare quando la guerra in Ucraina ha svelato tutte le sue atrocità. Ma quanto hanno inciso?

Per questo penso che l’obiettivo vada spostato da una rappresentazione rituale di un dissenso che serve più a noi, per sentirci in pace con la coscienza, ad una pratica nei comportamenti quotidiani, nell’uso delle parole, nel rispetto di chi è in difficoltà, è meno fortunato. O, se non spostato, aggiunto.

Ricordiamoci che dovremmo sfilare tutti i giorni, perché tutti i giorni c’è una guerra. Solo che alcune guerre sono lontane da noi e non appaiono alla televisione. Se io fossi un etiope (o uno yemenita) chiederei: perché non sfilate per chiedere la cessazione della guerra che insanguina la mia terra? Certo, mi si potrebbe rispondere: si manifesta per la guerra in Ucraina perché è sotto i riflettori mediatici, ma si prende spunto da questa attenzione (che deriva spesso più dalla paura egoistica di rimanere al freddo senza il gas russo) per portare avanti non solo il discorso della pace ma anche quello, se non del disarmo, almeno della riduzione degli armamenti, che stanno raggiungendo livelli folli.

 

Per questo penso che sia giusto quanto il Coordinamento per la Pace ed il Disarmo di Cuneo ha proposto ultimamente. Non solo promuovere manifestazioni per la Pace ma promuovere anche riflessioni su come la Pace la si può costruire dentro di noi e nei rapporti con gli altri.

Quest’ultimo aspetto mi attrae, perché è fatto di gesti quotidiani, di dialoghi con sé stessi per mettersi in discussione ed improntare la propria vita all’armonia ed al rispetto reciproco. 

 

Forse se non costruisci la pace dentro di te non puoi costruirla al di fuori di te.

 

Gianfranco Conforti

Volontario di MenteInPace

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Susanna Brunelli (lunedì, 12 dicembre 2022 09:21)

    Concordo, la gente siamo noi , la pace siamo noi, le nostre scelte ricadono sugli altri, no alle armi si alla comunicazione efficace , ma chi ci insegna a vivere in pace ? Domanda aperta

TOTALE VISITE AL SITO

www.menteinpace.it 

146.211

Dati aggiornati al 24-1-2023

---------------------------------

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

PROGETTO

"COSA SI FA DI BELLO?"

anni 2020-2021

PROGETTO: "COSA SI FA DI BELLO?"
anni 2020-2021
cosa si fa di bello.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.8 KB

PROGETTO

"ANCORA INSIEME" Relazione finale

PROGETTO "ANCORA INSIEME"
Relazione finale
ANCORA INSIEME - REL. FINALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 83.2 KB
PROGETTO RESTART AND RECOVERY. Una rete di comunità per la salute mentale
Cooperativa Proposta 80
PROGETTO Restart and Recovery.pdf
Documento Adobe Acrobat 1'011.6 KB

----------------------------------------------

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto la Città di Cuneo, la Cooperativa Momo, MenteInPace, DiAPsi Cuneo e la Casa del Quartiere Donatello.                       

  

VISITA IL SITO WEB DI “ZONAFRANCA”

 

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Daniele Mencarelli

Fame d'aria

 Mondadori

Tra colline di pietra bianca, tornanti, e paesi arroccati, Pietro Borzacchi sta viaggiando con il figlio Jacopo. D'un tratto la frizione della sua vecchia Golf lo abbandona, nel momento peggiore: di venerdì pomeriggio, in mezzo al nulla. Per fortuna padre e figlio incontrano Oliviero, un meccanico alla guida del suo carro attrezzi che accetta di scortarli fino al paese più vicino, Sant'Anna del Sannio. Quando Jacopo scende dall'auto è evidente che qualcosa in lui non va: lo sguardo vuoto, il passo dondolante, la mano sinistra che continua a sfregare la gamba dei pantaloni, avanti e indietro. In attesa che Oliviero ripari l'auto, padre e figlio trovano ospitalità da Agata, proprietaria di un bar che una volta era anche pensione, è proprio in una delle vecchie stanze che si sistemano. Sant'Anna del Sannio, poche centinaia di anime, è un paese bellissimo in cui il tempo sembra essersi fermato, senza futuro apparente, come tanti piccoli centri della provincia italiana. Ad aiutare Agata nel bar c'è Gaia, il cui sorriso è perfetta sintesi del suo nome. Sarà proprio lei, Gaia, a infrangere con la sua spontaneità ogni apparenza. Perché Pietro è un uomo che vive all'inferno. "I genitori dei figli sani non sanno niente, non sanno che la normalità è una lotteria, e la malattia di un figlio, tanto più se hai un solo reddito, diventa una maledizione." Ma la povertà non è la cosa peggiore. Pietro lotta ogni giorno contro un nemico che si porta all'altezza del cuore. Il disamore. Per tutto. Un disamore che sfocia spesso in una rabbia nera, cieca. Il dolore di Pietro, però, si troverà di fronte qualcosa di nuovo e inaspettato. Agata, Gaia e Oliviero sono l'umanità che ancora resiste, fatta il più delle volte di un eroismo semplice quanto inconsapevole. Con "Fame d'aria", Daniele Mencarelli fa i conti con uno dei sentimenti più intensi: l'amore genitoriale, e lo fa portandoci per mano dentro quel sottilissimo solco in cui convivono, da sempre, tragedia e rinascita.

CLICCA QUI 

 

-----------------------------------------------------------