PROGETTO EX-IN: esperienza e partecipazione (Susanna Brunelli)

 

PROGETTO EX – IN 

Experienced- Involvement)

 

MODULO 3: ESPERIENZA E PARTECIPAZIONE

 

Siamo arrivati al modulo numero tre!

Il giorno prima come di consueto per cenare insieme , sempre tutti felici di rivederci e di esserci.

Cosa c’è di nuovo a Borgo Nuovo ?  Le vedremo tutte le quattro stagioni, ma arrivare con la neve è stato suggestivo

Staremo dal 19 al 22 gennaio 2023

 

Il tema è ESPERIENZA e PARTECIPAZIONE

Quali sono le mie aspettative?  Probabilmente andremo a toccare degli aspetti che smuoveranno  la nostra emotività, i nostri sentimenti più profondi  e penso che qualche lacrima scenderà facendo riferimento alla nostra  ESPERIENZA.

Per quanto riguarda la PARTECIPAZIONE, di certo non  mi manca la voglia di condividere, con la mente e il cuore aperti, ho voglia di esserci in tutti i sensi, con i miei colleghi ormai amici, con i formatori e soprattutto con me stessa .

Dare e ricevere ha a che vedere con la RELAZIONE, che è il motore dei rapporti umani , tra la natura e le cose.

Bene, alla fine è andata proprio secondo le mie aspettative, momenti di commozione, di partecipazione attiva da parte di tutti, anche di divertimento e allegria.

Primo giorno, primo giro flash : Blitzlicht ; dai nostri formatori con accento tedesco Kirsten e Fabian

Passiamo alle domande, dubbi e curiosità sul tirocinio che andremo a fare, iniziamo a pensare dove vorremmo andare , in quale ambiente e luogo.

L’argomento del mese di marzo sarà  il TRIALOGO, cioè; 

Utenti - Familiari, - Operatori, l’intenzione è di invitare per l’occasione alcuni familiari e operatori per fare un’ esperienza di tipo pratico, un confronto di un paio d’ore,  il tema concordato : COSA CI FA STARE BENE

Qualcuno si è offerto per preparare l’invito, abbiamo scelto un disegno che ha realizzato una nostra collega, giusto per far buon uso dei nostri talenti.

L’incontro verrà moderato da uno o due di noi , l’idea mi piace !

Passiamo al lavoro di gruppo e al significato di esperienza per noi, io mi offro a scrivere sul foglio condiviso, mi piace scrivere e riportare le idee di tutti

Passiamo all’ argomento Diagnosi;

·        Come ha  influenzato la nostra vita?

·        Il rapporto con il disagio, che significato ha avuto  ?

·        Aspetti positivi e negativi

Il rischio della diagnosi è l’identificazione in una etichetta che ti è stata messa, ma per alcuni ha una valenza diversa.

Passiamo al lavoro di gruppo; 5 sottogruppi che andremo poi a condividere nel grande;  disegni , scritte, considerazioni, molti termini comuni sono emersi, ma per ognuno un significato personale.

In mezzo, dopo pranzo ci sta una passeggiata, il luogo si presta , silenzioso e piacevole.

Dopo esserci  ossigenati e rinfrescati  siamo rientrati e partiamo con il  confronto sulle soluzioni, sul come procedere dopo essere entrati nel contesto psichiatrico,  al piano di  cura e del percorso di recovery  personalizzato, la carta dei servizi e le varie procedure.

Una cosa che mi è piaciuta moltissimo è stato quando siamo arrivati alla prova pratica  del linguaggio e dialogo nonviolento, un esercizio che tutti dovrebbero provare,  molto utile per comprendere la modalità di relazionarsi con qualcuno in modo assertivo ed efficace per comunicare il proprio pensiero.

Il role play”, invece è una simulazione di un ruolo per  entrare nei panni dell’altro, questo ci ha permesso di vedere come l’utente percepisce frequentemente  la relazione con il medico e operatore di riferimento, cioè  un atteggiamento paternalistico del professionista, mantenendo un rapporto asimmetrico che resiste alle affermazioni e alle richieste del paziente o utente.

Non vedevo nessuna differenza da come succede spesso nella realtà, questo e mi ha fatto ridere per la perfetta interpretazione della mia collega di corso, ma  anche riflettere su come questa modalità viene utilizzata molto spesso, purtroppo,  dal nord al sud, come se una persona “sensibile” non portasse con sé un pensiero personale e dei desideri da condividere, oltre che alcune legittime richieste, con l’aspettativa di essere ascoltato, visto e considerato,  alcuni  di noi si sono rivisti in questa interpretazione e l’utente che faceva l’utente, perfetto nel suo voler esprimere le sue motivazioni  ma continuamente respinte e replicate, proprio come succede nella realtà molto spesso, anche se non sempre .

Bene, siamo all’ultimo giorno, siamo stanchi e anche un po’ provati ma sempre arricchiti da questa esperienza, è andato tutto secondo le mie aspettative, lacrime comprese, commozione e sentimenti di amicizia e complicità ci accompagneranno fino al prossimo incontro, parleremo di Recovery .

Enjoy the raid1!

Ci vediamo là !

Susanna Brunelli

susi.brunelli@gmail.com

 

 

1 – godetevi il viaggio! Brano dei Krewella  https://www.youtube.com/watch?v=97xnWVZYq_Q

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Domenica Verna (martedì, 11 aprile 2023 14:19)

    Buongiorno ,vado alla disperata ricerca di un facilitatore-accompagnatorex mia figlia con problemi psichiatrici.Abitiamo alla periferia di Bari.Potete darmi dei recapiti telefonici.Grazie
    Mio cell 3662044347

  • #2

    Gianfranco Conforti (mercoledì, 12 aprile 2023 07:57)

    Gent.ma sig.ra Verna le lascio i recapiti dei referenti del movimento LE PAROLE RITROVATE della Puglia. Provi a sentirli. Proverò anche a sentirla telefonicamente.
    Puglia

    Michele Grossi, psichiatra, Centro Salute Mentale, Manfredonia, mail: michelegrossi@inwind.it; tel.0884 4510388.

    Vittoria Del Grosso, educatore professionale, Centro Diurno & Associazione “Psychè”, Manfredonia mail: delgrossovittoria@libero.it; cell.339 4509064.

    Giovanni Aquilino, servitore-insegnante Club di Ecologia Familiare, ARCAT Puglia, mail: gioaqui@libero.it; cell. 328 4516866.

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1116

VISITE 1578

aggiornato al 26/02/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------