VIDEO SHOCK: BUTTATI GIÙ DAL TRENO PER L'ITALIA

 

La gendarmeria francese fa scendere con la forza una famiglia ivoriana tra le urla della mamma e dei bambini

 

Questa notizia è stata segnalata da Mario Piasco

Volontario di MenteInPace

sulla chat di whatsapp dell’Associazione

23/08/2023 - ORE 20:31

 

23 AGOSTO 2023 - 17:59

 

Grida disperate, il pianto di un bambino e un intervento delle forze dell'ordine che ha lasciato sbigottiti i passeggeri del treno Ventimiglia-Cuneo nella serata di ieri, 22 agosto, alla stazione di Breil.

Una famiglia ivoriana composta da una donna incinta di 7 mesi, un uomo e un bambino di un anno, è stata fatta scendere con forza dalla pattuglia della polizia francese sotto l'accusa di non possedere documenti regolari.

Le modalità dell'intervento delle forze dell'ordine hanno generato una forte reazione tra i passeggeri presenti sul treno. Diversi di loro hanno iniziato a registrare la scena con i loro telefoni cellulari.

Paolo Bogo, un insegnante cuneese che era tra i passeggeri, ha condiviso il video in diretta, gettando luce sull'episodio. "Continuavano a sostenere di avere il diritto di rimanere a bordo perché erano su un treno che li conduceva in Italia", ha raccontato Bogo.

 

Tratto da:  LA VOCEWEB REDAZIONE info@giornalelavoce.it

https://www.giornalelavoce.it/video/cronaca/535669/video-shock-buttati-giu-dal-treno-per-l-italia-video.html

 

 

PER VEDERE L’INTERO ARTICOLO ED IL VIDEO

CLICCA QUI

 

Questo il commento di Andrea Castellino, altro volontario di MenteInPace, sempre sulla chat di whatsapp di MenteInPace - 23/08/2023 - ore 23:07

 

“Quando sono tornato da Antibes con Cinzia ho fatto la linea Ventimiglia Cuneo circa un mese fa e alla stazione di Breil la gendarmerie francese ha preso un uomo di colore e l’ha fatto scendere dal treno… dopo che hanno controllato i documenti di tutti i passeggeri… sul momento ho pensato che non avesse pagato il biglietto… ma forse è perché era extracomunitario.
Infatti i commenti dei passeggeri vicino a me dicevano che l’hanno fatto scendere dal treno per lo stesso motivo dell’articolo.

Purtroppo c’è ancora nel 2023 un problema simile a quello delle persone di colore negli Stati Uniti. Quando sui treni erano trattati peggio delle “bestie” con tutto il rispetto per il animali !!

Il paragone e il motivo di fondo non è cambiato…

Questa non è l’Europa, questa non è la Francia e questa non è l’Italia che amo!!

Stiamo tornando indietro verso il terrore… e mi fermo qui.

Scusate lo sfogo ma non sopporto tutto ciò!!

Buona serata. Un abbraccio a tutti”.

 

Andrea

 

altro commento inviato da Alice Lorenzin

volontaria di MenteInPace

sulla chat di whatsapp di MenteInPace

24/08/2023 – ore 9:53

 

Andrea, hai visto bene. Ma queste cose accadono da tanti anni. Certo non lo vedete se andate in Francia varcando la frontiera via autostrada. La polizia francese a Ventimîglia è incaricata di "proteggere" le frontiere, e di impedire l'ingresso di "clandestini" senza documenti e senza autorizzazione e soprattutto di tratti somatici e di colore diversi. I controlli non vengono eseguiti con garbo, lo immaginate. Qualche volta con violenze poco umane come avete visto nel filmato, se i migranti oppongono resistenza e non ubbidiscono, disperati come sono, agli ordini. Ci sono anche controlli nei treni da Cuneo a Ventimiglia, sempre da parte della polizia francese. Gli italiani son ben contenti che quelle persone vogliano andare oltre la frontiera, e gli eventuali " clandestini" sono costretti dalla polizia a scendere a Breil. Se qualcuno tenta di scappare nelle colline, capita anche che venga inseguito. Lo ripeto, succede da vari anni. E da vari anni ci sono accampamenti di migranti a Ventimiglia, vicino al letto del fiume che vivono nelle solite condizioni che conoscete. I migranti accampati non arrivano mai dalla Francia, in Italia arrivano dal mare, a sud, dove pure le ONG che li raccolgono vengono ormai a volte criminalizzate e intralciate, e non dalla polizia francese.

 

Alice

Scrivi commento

Commenti: 0

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1196

VISITE 1665

aggiornato al 23/02/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------