SALUTE MENTALE: LA CENTRALITÀ DEL SERVIZIO PUBBLICO

 

Salute Mentale.

La presa in carico può essere garantita solo da centralità del servizio pubblico

 

di Massimo Cozza

Direttore Dipartimento di Salute Mentale ASL Roma 2

Serve un piano complessivo integrato sociale e sanitario, con le giuste risorse, con percorsi appropriati, con operatori pubblici formati, partendo sempre dalla unicità e dalla complessità della persona con disturbi mentali e dai suoi diritti di cittadinanza.

 

DA quotidianosanita@qsedizioni.it

16/10/2023 23:01

 

16 OTTOBRE 

 

Il Rapporto Salute Mentale 2022 del Ministero della Salute è ricco di dati, ma da una prima lettura si possono trarre quattro considerazioni generali.

 

La prima considerazione è rappresentata dalla conferma della limitata capacità del servizio pubblico di poter dare risposte alle persone con disturbi mentali. Il numero di pazienti con almeno un contatto nell’anno con le strutture del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) e le strutture private accreditate ammonta a 776.829 unità, mantenendo sostanzialmente un dato costante negli anni, con un lieve decremento nel periodo pandemico, che è stato sempre ben al di sotto di 1 mln, distante da una stima di circa 4 milioni di persone con disturbi mentali in Italia.

Le ragioni possono essere individuate certamente nella carenza dell’offerta, ma anche nel pregiudizio e nello stigma che ancora costituiscono una barriera all’accesso ai servizi. C’è anche da considerare che una parte delle persone si può rivolgere ai medici di medicina generale, un’altra parte al privato, ma tanti altri rimangono senza assistenza.

Va comunque rilevato che nella fascia 18-24 anni si registra un aumento dell’incidenza dei nuovi casi in linea con le denunce di un aumento del disagio mentale giovanile, ma il sistema di rilevazione non registra le attività di sotto dei 18 anni e la stragrande maggioranza degli utenti prevalenti nei DSM è superiore ai 24 anni.

 

La seconda considerazione è strettamente correlata alla prima e riguarda l’aumento significativo delle persone con disturbi mentali che si rivolgono agli ospedali. Nel 2022 il numero degli accessi al pronto soccorso per patologie psichiatriche è cresciuto di circa il 15% rispetto all’anno precedente e sono aumentate del 9,58% le dimissioni dalle strutture psichiatriche ospedaliere (pubbliche e private).

Se aggiungiamo l’esito a domicilio del 72,3% del totale degli accessi in Pronto Soccorso per problemi psichiatrici, appare evidente che a fronte di un problema di salute mentale, anche di natura lieve, i cittadini non trovano risposte soddisfacenti nel territorio, dai medici di medicina generale ai servizi territoriali di salute mentale, e si recano negli ospedali.

A completamento di queste due prime considerazioni possiamo aggiungere una carenza sul campo di circa 10mila operatori dei DSM, fermi a 30.101 unità, con la consapevolezza che una salute mentale comunitaria si dovrebbe fondare sulla relazione, in primo luogo tra operatori e utenti.

 

Una terza considerazione è correlata al dato che si può rilevare in più parti del Rapporto di un aumento delle persone con depressione. In particolare, la spesa lorda complessiva per gli antidepressivi è cresciuta rispetto al 2021 di circa 2 mln arrivando alla cifra di oltre 400 mln, con un aumento delle confezioni di circa il 16% e la depressione presenta il più alto tasso di incidenza dei nuovi utenti per gruppo diagnostico (12,1 per 10.000 abitanti).

 

La quarta considerazione, la più importante in termini di politiche pubbliche di salute mentale, è correlata al costo dell’assistenza psichiatrica fermo al di sotto del 3% (2,72% nel 2022) del fondo sanitario nazionale, rispetto al 5% già condiviso nel 2001 dai Presidenti delle Regioni.

 

PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO

CLICCA QUI

 

Tratto da:

 

https://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=117550&fr=n

Scrivi commento

Commenti: 0

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1117

VISITE 1711

aggiornato al 13/04/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------