SMETTERE DI LAVORARE PUÒ FAR STAR MALE. UNA STORIA DI VITA (Roberto Cuni)

Questa è la storia di una mia fragilità che mi sento di raccontare, per aiutare me a viverla al meglio, e spero anche serva ad aiutare qualcun altro per evitare di viverla.

 

DA Renzo De Stefani

(come allegato al resoconto dell’ultimo incontro nazionale de Le Parole Ritrovate)

2/2/2024 - 11:06

A  menteinpace@libero.it  

 

Sono un ‘anziano’ di 74 anni e nella mia vita ho fatto tante scelte di cambiamento, in particolare nell'ambito lavorativo.

Per questo nel 1992 ho cambiato città, da Bergamo a Trento, assieme a mia moglie e a nostro figlio di 10 anni oggi quarantunenne.

Il mio nuovo lavoro a Trento mi ha dato tantissime soddisfazioni, prima come operatore poi come Coordinatore del Centro Studi sui problemi alcolcorrelati ed altre fragilità, il tutto favorito dalla nascita a Trento di oltre 100 Club di Alcologia territoriale e poi dei Club di Ecologia famigliare.

Poi a partire dal 2000 ho cominciato a collaborare con il Servizio di salute mentale di Trento, contribuendo a realizzare in quel Servizio l’approccio del fareassieme, che valorizzava il sapere esperienziale di utenti e familiari e li rendeva sempre più protagonisti dei loro percorsi di cura, migliorando la qualità delle prestazioni del Servizio.

Accompagnò e promosse lo sviluppo del fareassieme  la nascita, prima dell'Associazione la Panchina a cui aderivamo utenti, familiari operatori e cittadini, poi la nascita dell'Associazione il Cerchio-Fareassieme, una ulteriore opportunità di co-progettazione e di co-produzione con il Servizio di Salute Mentale di Trento, nello spirito del fareassieme naturalmente!

Il mio lavoro era molto impegnativo in quanto sono stato per molti anni Presidente di tutte e due le Associazioni, prima della Panchina e poi del Cerchio.

 

Ma adesso veniamo al fatto.

 

Il 1° gennaio del 2023 sono andato in pensione, e qui sono incominciati i guai. Il mio lavoro come dicevo mi piaceva molto e ovviamente mi impegnava molto. Questi impegni ‘purtroppo’ sono continuati solo in piccola parte e in poche occasioni nei primi mesi dell'anno, come ad esempio l’impegno come volontario in un Club di Alcologia territoriale per un paio di ore alla settimana.

All’inizio della primavera ho iniziato a non star bene, non ero contento, però non capivo bene cosa dovevo o potevo fare. Poi forse un po' in ritardo ho incominciato a pensare che ero ‘caduto’ in depressione. Per prima cosa ho contattato una mia amica psichiatra che mi ha confermato che ero in una depressione. E la causa secondo lei (e anche secondo me) era dovuta al fatto che la pensione mi aveva tolto il piacere del mio lavoro e che avrei dovuto riempire il mio tempo con piccole cose che mi dessero piacere.

E questo ho fatto e sto ancora facendo, anche se con fatica. Cogliendone però la bellezza e l’aiuto che mi stanno dando.

Alcuni ‘impegni’ che mi danno particolare piacere sono continuare ad essere attivo nella nostra associazione nazionale del fareassieme, le Parole Ritrovate, e fare attività di volontariato nei gruppi di auto aiuto.

Ma l’aspetto che più mi aiuta a combattere questa depressione è sicuramente mio nipote Federico di 3 anni e mezzo. Federico è il miglior antidepressivo, e non ha effetti collaterali!!!

Altro aspetto che mi sta aiutando è il parlare della mia depressione, parlarne agli amici, ma anche ai conoscenti, ma se possibile anche in occasioni pubbliche, oltre a scrivere questo mio percorso, che serve sicuramente a me, ma io spero che possa servire a tutti quelli che prossimamente andranno in pensione.

Tanto più il vostro lavoro vi è piaciuto, potreste trovarvi nel rischio di cadere in depressione. Se invece il vostro lavoro non vi è piaciuto granché...la pensione è una bellezza da vivere con amore e con fiducia e speranza.

 

Grazie per avermi letto.

 

Roberto Cuni

 

Dimenticavo, da alcuni mesi la mia psichiatra mi ha consigliato di prendere una terapia farmacologica, cosa che sto facendo. Il farmaco non è come mio nipote, ma penso che possa aiutare il mio percorso di guarigione/recovery.

 

 

Autorizzazione alla pubblicazione concessa Domenica 4/2/2024 – 09:25 via whatsapp

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Mara varesco (giovedì, 08 febbraio 2024 12:53)

    Carissimo Roberto, a me era successa la stessa cosa quando ero andata in pensione dalla scuola nel 1993. Però posso dirti che è uno stato transitorio finché non riempirai nuovamente, partendo da poche cose alla volta, la sensazione di vuoto......soprattutto con attività tue consone, sfruttando le tue note capacità ed ora anche i tuoi desideri....cosa non da poco! Abbi solo un po di pazienza perché le soluzioni non sempre sono immediate e " dietro l angolo" , ma le troverai anche inaspettatamente , guardando il positivo di ciò che ti si presenterà ! Un abbraccio e in attesa di prossime buone novità

  • #2

    Roberto (martedì, 13 febbraio 2024 20:16)

    Grazie Mara.

CINEMA SOTTO

LE STELLE

luglio 2024

APPELLO per la SALUTE MENTALE

delle Associazioni piemontesi

di utenti e familiari

24° INCONTRO NAZIONALE

LE PAROLE RITROVATE

Programma, informazioni e sistemazioni alberghiere

----------------------------------------------

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1019

VISITE 1536

aggiornato al 16/06/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------