USCIRE DALLA SOLITUDINE DEGLI ADOLESCENTI: la testimonianza positiva di due genitori

Dal ritiro sociale a un rapporto più sincero e profondo tra genitori e figli

 

“Oggi io e mio marito abbiamo un rapporto più sincero con nostro figlio. Ma per arrivarci siamo passati attraverso una rivoluzione copernicana”.

A parlare è Paola, la madre di un ragazzo che ha trascorso un periodo della sua vita chiuso in casa, in ritiro sociale, e che è riuscito a uscirne.

 

di Laura Pasotti, redattrice di Sogni&Bisogni

 

 

 

DA Sogni e Bisogni      

29/2/2024 12:40

A  menteinpace@libero.it

 

Per riferirsi al ritiro sociale volontario e per definire le persone che vivono questa particolare condizione spesso si usa la parola hikikomori, un termine giapponese che significa stare in disparte.

(…) “Noi non sapevamo nulla del ritiro sociale, lo abbiamo scoperto leggendo un articolo – racconta Paola – Nostro figlio si era chiuso in casa da poco e così ci siamo rivolti a un gruppo di auto mutuo aiuto. Grazie al loro sostegno e a quello degli psicologi, siamo riusciti a invertire la rotta. Ma è stato difficilissimo, io e mio marito siamo stati ribaltati come calzini perché ci siamo dovuti mettere in discussione e abbiamo dovuto ammettere che anche noi eravamo responsabili di quella situazione. È stato molto doloroso”.

 

(…)  “Il rapporto con nostro figlio è cambiato moltissimo, così come il nostro ruolo di genitori. Io e mio marito dobbiamo ringraziare nostro figlio perché il dolore che abbiamo vissuto ha provocato uno tsunami che ha generato una relazione migliore nella nostra famiglia, una relazione più profonda, basata sulla comprensione. Su consiglio della psicologa, abbiamo smesso di assillare nostro figlio con richieste e proposte e gli abbiamo lasciato spazio. Gli siamo stati vicini, abbiamo fatto cose insieme, piccole cose come guardare un film o giocare a carte, per ricreare una relazione e pian piano far rinascere in lui il desiderio di fare qualcosa, qualsiasi cosa, e passare dal nichilismo strisciante che permeava la sua visione al desiderio di tornare alla vita”, conclude Paola.

 

PER LEGGERE L’ARTICOLO INTERO

CLICCA QUI

 

Tratto da:

 

https://www.sogniebisogni.it/documenti/articoli/1280-dal-ritiro-sociale-a-un-rapporto-piu-sincero-e-profondo-tra-genitori-e-figli

Scrivi commento

Commenti: 0

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 1048

VISITE 1601

aggiornato al 22/04/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------