LE RADICI DELLA VIOLENZA MASCHILE (Kyra Grieco)

Per entrare nella gabbia dorata della maschilità, con i suoi privilegi, bambini e ragazzi sono educati in molti modi a perdere progressivamente la capacità di sentire le proprie emozioni e di empatizzare con quelle altrui. Con una sola eccezione: la rabbia. L’educazione femminile, invece, costituisce un addestramento alla vulnerabilità: dall’auto-contenimento fisico a quello emotivo, alle bambine non è insegnato a difendersi né sul piano mentale che fisico e sessuale. Sarebbe tuttavia sbagliato concludere che gli uomini maltrattanti agiscono in preda a delle emozioni incontrollabili di cui sarebbero vittima: equivarrebbe a negare la loro responsabilità individuale, ma prima di tutto la dimensione strutturale e sistemica della violenza. Nella quinta parte del saggio Un uomo (qui le parti precedenti: IIIIIIIV) Kyra Grieco continua a indagare la relazione tra violenza e genere, soffermandosi sulle radici della violenza.

 

DA Newsletter Comune-info        

29/3/2024 12:00

A menteinpace@libero.it 

 

di Kyra Grieco

(Antropologa, Ricercatrice presso la Scuola di studi avanzati nelle scienze sociali di Parigi)

 

Abbiamo già visto alcune delle forme di violenza maschile, principalmente quelle fisiche e psicologiche all’interno della coppia e della famiglia, e l’importanza dell’intorno sociale per riconoscerle e combatterle. Abbiamo anche visto però quanto è facile cadere nella giustificazione della violenza, la nostra come quella altrui.

Non siamo infatti educat* a riconoscere i segni del maltrattamento, né a sapere cosa fare quando ci si confronta con chi lo subisce. Questo perché pensiamo che sia qualcosa di molto lontano da noi, che le case nelle quali succede non siano quelle dei nostri amici o parenti. Non a caso si parla di “violenza domestica” (e non di violenze maschili contro le donne o di violenze sessiste): perché queste violenze hanno per principale teatro lo spazio domestico o familiare, ritenuto off-limits perché riguarda l’intimità emotiva, relazionale e sessuale delle persone. Solo che con questa storia del farci gli affari nostri, possiamo vivere benissimo accanto a delle relazioni violente senza accorgercene mai. Questo non vuol dire che ogni volta che un’amica vi racconta una lite con il compagno dovete trascinarla al centro antiviolenza più vicino, ma che probabilmente ci guadagneremmo tutt* a imparare a saper cogliere i segnali che lasciano intuire o che preludono a una situazione di violenza (i cosiddetti “red flags”) e come comportarci con la persona che la subisce.

Nel caso della mia amica Marta, di cui ho raccontato la storia precedentemente, i red flags c’erano tutti, ma io non li avevo saputi vedere. Come riconoscerli, mi chiederete voi?

L’ARTICOLO CONTINUA

CLICCA QUI

 

Tratto da:

https://comune-info.net/un-uomo-parte-v/?utm_source=mailpoet&utm_medium=email&utm_source_platform=mailpoet&utm_campaign=Precipitiamo

Scrivi commento

Commenti: 0

24° INCONTRO NAZIONALE

LE PAROLE RITROVATE

Programma, informazioni e sistemazioni alberghiere

----------------------------------------------

DATI DEL SITO

NEGLI ULTIMI 30 GIORNI

VISITATORI 976

VISITE 1405

aggiornato al 18/05/2024

Video Spot di MENTEINPACE

ADRENALINA PURA!!

regia di 

Andrea Castellino

---------------------------------------

 

 

ZONA FRANCA 

è un laboratorio di inclusione sociale, in cui si sperimentano forme alternative di partecipazione, protagonismo ed espressione.

 

È ideato e prodotto dalla Cooperativa Proposta 80 

in collaborazione con l’Associazione Culturale Kosmoki 

e dagli

utenti del Servizio di Salute Mentale del Dipartimento di Salute Mentale di Cuneo.

 

Collaborano al progetto Città di Cuneo, Cooperativa Momo

MenteInPace

DiAPsi Cuneo 

Casa del Quartiere Donatello.                       

VISITA IL SITO DI “ZONAFRANCA”

CLICCA QUI

ZONAFRANCA

è anche su FACEBOOK

CLICCA QUI

--------------------------------------------

NEWSLETTER DI MENTEINPACE

per riceverla

     scrivi una mail a      menteinpace@libero.it

----------------------------------------------

 

GUARDA LE NOVITA' della

CASA DEL QUARTIERE DONATELLO

http://www.casadelquartieredonatello.it

---------------------------------------------------------

Renzo De Stefani

LA PSICHIATRIA DEL FAREASSIEME

Valori e pratiche orientate alla “Recovery”

Erikson editore

 

La Psichiatria del fareassieme è un manuale di salute mentale molto diverso dai testi che di solito si trovano sull’argomento: non ci sono capitoli sulla psicopatologia, sui principali disturbi psichici, sui trattamenti più in voga. L’approccio del fareassieme mette al centro, nei fatti e non solo nelle parole, utenti e familiari. Medici, operatori, utenti, familiari e cittadini sono coinvolti alla pari nei percorsi di cura e nella co-progettazione e co-produzione di tutte le attività, i gruppi e le aree di lavoro del Servizio. Un approccio dove si impara a «pensare e a lavorare» assieme, valorizzando la presenza, il sapere esperienziale, le risorse di tutti.

PER ORDINARLO

CLICCA QUI

----------------------------------------------